Registrati

Privacy

Informativa ai sensi dell'art. 13 del decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196. La raccolta e il trattamento dei dati sono effettuati limitatamente ai fini connessi alla gestione operativa e amministrativa del servizio. I dati sono trattati con strumenti informatici e telematici e non saranno comunicati a terzi. Il titolare del trattamento è AreaDem.
* Acconsento al trattamento dei miei dati personali
Log in

 
Registrazione al sito - Login al sito

Sereni: Organizzare la speranza

05 Luglio 2024

dalla Newsletter di Marina Sereni

Con un’ottima relazione della Segretaria Elly Schlein si è aperta oggi una riunione della Direzione Nazionale del PD che segna un cambio di fase nella vita del nostro partito e nella politica italiana. I risultati elettorali delle europee e delle amministrative in Italia - in un quadro europeo che segnala un’affermazione importante e preoccupante della destra sovranista e populista - sono per noi molto positivi e ci consegnano una grande e nuova responsabilità. Siamo il partito che cresce di più in termini percentuali e in voti assoluti alle Europee, risultando così la prima delegazione nella famiglia socialista e democratica, e otteniamo significative vittorie nei Comuni, in particolare nei capoluoghi, strappandone diversi alla destra. Tra cui, al termine della splendida campagna elettorale di Vittoria Ferdinandi, Perugia, la capitale della mia regione.

Questi risultati non cancellano alcuni elementi di criticità, che infatti sono stati evidenziati dalla Segretaria, a partire dal forte astensionismo nelle aree interne e tra le donne che ci deve interrogare in modo particolare. Il merito di questo successo è innanzitutto della leadership di Elly Schlein che è riuscita a riposizionare il Pd in modo molto netto nel campo progressista, individuando temi e proposte che stanno particolarmente a cuore ai cittadini, a partire dalle fasce meno garantite. Le nostre battaglie sul salario minimo, contro la precarietà, sui diritti, per la difesa della salute e della sanità pubblica hanno definito l’identità di sinistra del nostro partito senza ambiguità. E tutto questo è stato possibile, mantenendo e valorizzando il nostro pluralismo interno e la nostra unità. Elly Schlein ha dimostrato che si può essere una leader forte e generosa al tempo stesso, che si può imprimere una svolta senza comprimere le differenze, che si può essere “testardamente unitari” senza essere subalterni. I numeri ci dicono che la destra è forte ma non imbattibile e ci consegnano una responsabilità ineludibile per la costruzione dell’alternativa. Ora questo ce lo riconoscono tutti e soprattutto se lo aspettano gli elettori e le elettrici che hanno votato per i partiti dell’opposizione, come abbiamo sentito dalla piazza che abbiamo organizzato subito dopo il voto per contrastare lo scempio istituzionale che la destra sta configurando con l’autonomia differenziata e il premierato.

Ora però non possiamo riposare, ci dice giustamente la Segretaria. Dobbiamo organizzare un’altra “estate militante”. I punti su cui chiamare i nostri iscritti e simpatizzanti alla mobilitazione sono chiari.

  • Innanzi tutto dobbiamo lanciare la raccolta delle firme per il referendum che cancella l’autonomia differenziata. Dobbiamo raccontare bene cosa si cela dietro questo nome tecnico. E’ una legge che non penalizza solo le regioni del Sud ma anche le aree interne, e che mette in crisi la competitività del nostro Paese anche nelle aree maggiormente sviluppate. Cosa se ne fanno gli imprenditori delle regioni del Nord di un sistema che potrebbe portare a 20 politiche energetiche? O a 20 normative diverse sulla sicurezza nel lavoro? Come possiamo accettare che un bambino che nasce a Reggio Calabria abbia una speranza di vita di inferiore ad uno che nasce a Bologna? E la sanità del Nord come farà a reggere quando i cittadini del Sud saranno sempre di più costretti ad “emigrare” per curarsi?
  • La raccolta di firme per il referendum deve andare di pari passo con quella sulla Legge di Iniziativa Popolare sul salario minimo, che va rilanciata perché non possiamo abbandonare quei milioni di lavoratrici e lavoratori che pur avendo un lavoro sono poveri.
  • Dobbiamo poi ovviamente proseguire la nostra battaglia per la Sanità pubblica. Alla Camera hanno affossato la nostra legge che chiedeva di arrivare alla media europea del 7,5% del Pil di spesa sanitaria e lo sblocco delle assunzioni. Ma non molleremo, continueremo a riproporre quelle priorità a cominciare dalla discussione sul Decreto Liste d’Attesa che il Governo ha presentato senza alcun reale impegno finanziario. Così come chiederemo ai nostri Consiglieri Regionali di calendarizzare la stessa proposta di legge nelle loro Assemblee. Continueremo il viaggio nella sanità italiana, coinvolgendo operatori, cittadini, associazioni per cominciare a scrivere dal basso una strategia per rilanciare e riformare il SSN nel segno della prossimità, del rafforzamento dei servizi domiciliari e territoriali, dell’investimento sulla prevenzione, sui servizi per la salute mentale, sui consultori, sull’integrazione socio-sanitaria.
  • Guardando alle criticità del voto, dobbiamo costruire una campagna mirata per le Aree interne, perché dobbiamo essere noi ad andare verso chi si astiene e non crede più nella politica. Per contrastare le diseguaglianze e lo spopolamento delle aree interne c’è solo un modo: rendere più semplice la vita, garantire servizi. E la sanità è uno dei banchi di prova principali, anche alla luce delle nuove opportunità che le nuove tecnologie e il PNRR possono offrire.
  • Infine Elly Schlein ci ha esortato a rilanciare l’impegno per il tesseramento al Partito Democratico. Molto bene! Dobbiamo aprire porte e finestre, chiamare le persone a darci una mano per cambiare questo partito che ha dimostrato di essere una forza viva e radicata ma ancora non abbastanza accogliente per le tante energie che potrebbero renderci ancora più forti.

Su questa piattaforma e con questo spirito il Pd riuscirà a rafforzare anche l’iniziativa unitaria per costruire un’alleanza alternativa alla destra ampia, forte, credibile. Il campo progressista italiano dunque non si unisce “contro” qualcuno ma “per”. Non ci servono provinciali paragoni ne’ con il Nuovo Fronte Popolare in Francia ne’ con il Labour di Starmer. Siamo più avanti. Poco più di un anno fa abbiamo perso le elezioni e i sondaggi erano terribili. Oggi siamo una forza in campo, viva, unita, il nostro profilo progressista è ben delineato e siamo senza ombra di dubbio l’ architrave dell’alternativa. Possiamo essere orgogliosi della strada percorsa e consapevoli di quella che ci aspetta, impegnativa ma anche esaltante.


Commenta... oppure


torna su

Agenda

DoLuMaMeGiVeSa
1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31

Rassegna stampa