Registrati

Privacy

Informativa ai sensi dell'art. 13 del decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196. La raccolta e il trattamento dei dati sono effettuati limitatamente ai fini connessi alla gestione operativa e amministrativa del servizio. I dati sono trattati con strumenti informatici e telematici e non saranno comunicati a terzi. Il titolare del trattamento Ŕ AreaDem.
* Acconsento al trattamento dei miei dati personali
Log in

 
Registrazione al sito - Login al sito

Lorenzin: con un colpo di mano si elimina l'indipendenza dell'Aifa

30 Novembre 2022

"Non è un bel segnale che il Governo scelga di effettuare la riforma della governance di Aifa con due semplici emendamenti della maggioranza in commissione, decontestualizzata e fuori dal dibattito. Con questo colpo di mano si rinuncia, di fatto, all'indipendenza dell'Agenzia italiana del farmaco". Lo ha affermato Beatrice LORENZIN, vicepresidente del gruppo Pd in Senato, commentando la modifica della governance di Aifa con un emendamento della maggioranza al decreto Nato-Calabria. "Con la nuova governance accentrata nelle mani del presidente del Cda, di natura totalmente politica, si snatura la missione dell'Agenzia e la sua natura d'indipendenza scientifica - sottolinea LORENZIN - così come il virtuoso equilibrio dei poteri e delle responsabilità. Ci si aspettava la relazione al Parlamento del ministro in cui illustrava il suo programma e la visione del Governo su programmazione, prevenzione e innovazione del Ssn e dei Ssr e sul ruolo degli enti vigilati". L'Aifa, ricorda l'ex ministra della Salute, "è strategica per il nostro Paese perché, oltre a gestire i 32,2 miliardi di spesa farmaceutica, ad esempio, sovrintende l'autorizzazione all'immissione in commercio dei nuovi farmaci, autorizza le sperimentazioni cliniche svolte su tutto il territorio nazionale, cura l'applicazione delle direttive europee e delle normative nazionali sulla sperimentazione clinica, promuove sperimentazioni cliniche no-profit di tipo comparativo atte a dimostrare il valore terapeutico aggiunto dei nuovi farmaci rispetto a quelli disponibili. Per questo è un organo strategico - rimarca - essenziale per garantire l'accesso a terapie innovative, centrale per la ricerca indipendente e fondamentale per la competitività dell'intera filiera del farmaco in Italia. Aver lasciato la riforma dell'Aifa agli emendamenti di due parlamentari della maggioranza lascia basiti nel metodo e anche nel merito. A poche ora dal voto non sappiamo quale sia l'obiettivo del ministro e del Governo, cosa vogliono raggiungere e cosa pensano su Aifa e in generale sul delicato dossier della sanità".


Commenta... oppure


torna su

Agenda

DoLuMaMeGiVeSa
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28

Rassegna stampa