Registrati

Privacy

Informativa ai sensi dell'art. 13 del decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196. La raccolta e il trattamento dei dati sono effettuati limitatamente ai fini connessi alla gestione operativa e amministrativa del servizio. I dati sono trattati con strumenti informatici e telematici e non saranno comunicati a terzi. Il titolare del trattamento è AreaDem.
* Acconsento al trattamento dei miei dati personali
Log in

 
Registrazione al sito - Login al sito

Fassino: Caro Zelensky, l’Italia che sta con l’Ucraina ti accoglie

21 Marzo 2022

Intervista di Formiche.net




Intervista di Formiche.net a Piero Fassino

L’occidente sta aiutando Kiev a difendersi, mettendo in campo tutto quello che è necessario fare senza che ciò possa provocare un ulteriore conflitto (come una no-fly zone). È questa la linea fino ad oggi, dice a Formiche.net il presidente della Commissione Esteri della Camera Piero Fassino. L’ex guardasigilli, alla vigilia della videoconferenza del presidente ucraino Volodymir Zelensky con il Parlamento in seduta comune, mette l’accento su ciò che ha già fatto l’Italia alla voce aiuti umanitari, militari ed economici.
Come accoglie il Parlamento italiano le richieste del presidente ucraino Volodymir Zelensky?
Penso che Zelensky illustrerà le ragioni dell’Ucraina e chiederà all’Italia di continuare a sostenere in ogni modo il suo Paese nella lotta per difendere la propria libertà: sia con aiuti umanitari, che economici, che militari. Mi pare che questa richiesta corrisponda a ciò che noi abbiamo già deciso con un voto larghissimo in Parlamento. La risoluzione da me presentata che autorizzava il governo a mettere in campo gli aiuti a Kiev, è stata approvata da 519 parlamentari su altrettanti votanti: un plenum totale. Inoltre i due decreti attuativi sono stati approvati con larghissima maggioranza e un minimo numero di contrari. L’Italia ha già detto di sì all’appello di Zelensky e il video collegamento sarà l’occasione per confermarlo.
La no-fly zone è definitivamente fuori dalle opzioni?
Potrebbe essere decisa solo collegialmente da tutti i Paesi di Usa, Ue e Nato: è stato il presidente Joe Biden per primo a ricordare che è una decisione molto delicata esposta al rischio di una ulteriore estensione di confitto. Fino ad oggi la si è esclusa. Così come la Casa Bianca ha ribadito che non ci saranno militari americani su suolo ucraino. Si tratta di affermazioni che non fanno venire meno il sostegno all’Ucraina ma che, al contempo, indicano che noi non stiamo combattendo una guerra contro la Russia. Stiamo aiutando Kiev a difendersi, mettendo in campo tutto quello che è necessario fare senza che ciò possa provocare un ulteriore conflitto. È questa la linea fino ad oggi.
Quanto sarebbe stata utile in questa crisi una difesa europea?
Moltissimo, ma aggiungo che servirebbe anche una politica estera europea visibile, assertiva e sostenuta con determinazione da tutti i membri dell’Unione. Invece siamo in una fase in cui la politica estera e di sicurezza comune è invocata e riconosciuta da tutti, ma poi concretamente quando si tratta di assumere decisioni operative per metterla in essere, riemergono le “gelosie delle nazioni”. Ovvero la tendenza di ogni Stato a trattenere per sé tutte le competenze di politica estera e di difesa senza capire che se oggi l’Europa vuole contare, deve diventare un soggetto davvero integrato. Nessun paese da solo potrà avere l’influenza che avrebbe l’Unione Europea unita e forte su questi temi.
Un possibile comun denominatore sarà la diversificazione energetica?
Certo. Da tempo uno dei dossier principali in elaborazione a Bruxelles è l’Unione energetica europea e questa crisi può sollecitarne un’accelerazione, così come preconizzato dalla stessa Presidente della Commissione Ue, Ursula von der Leyen. Così come un altro asset fondamentale per la sicurezza comune potrà essere l’accelerazione della cooperazione tra i sistemi industriali della difesa.
L’apertura degli Usa al gasdotto Eastmed (Israele-Melendugno) dopo il blocco del gennaio scorso è una buona notizia anche per l’Italia?
Sì, tutto ciò che va nella direzione di allargare le fonti di approvvigionamento è per noi una buona notizia. È chiaro che la nostra dipendenza dal gas russo va superata diversificando gli acquisti e investendo in nuove reti di fornitura.
I parlamentari ex grillini di Alternativa diserteranno il Parlamento in seduta comune perché pensano che la video conferenza con Zelensky sia “un’operazione di marketing che non servirà a far cessare le ostilità”. Un autogol?
Ogni opinione è legittima, però bisogna sapere che questa guerra ha un profilo molto chiaro: c’è un Paese aggressore ed uno aggredito e non si può essere equidistanti perché l’equidistanza favorisce l’aggressore. L’Italia e l’Europa, insieme agli Stati Uniti, aiutano chi si difende. Per questa ragione accogliamo in Aula il presidente dell’Ucraina Avere una posizione di neutralità o di equidistanza non solo è velleitario, ma non fa i conti con la realtà, perché non si possono mettere sullo stesso piano gli aggrediti e gli aggressori.


Fassino: La guerra fuori dal tempo di Putin - Intervento su HuffPost 
Fassino: non ci faremo intimorire da Mosca 
Fassino: Ma Putin vuole davvero negoziare? - Intervento su Il Tirreno 
Fassino: La missione russa in Italia per il Covid? Dagli aiuti nessun condizionamento - Intervista de Il Mattino 
Fassino: USA, Russia e Cina di fronte alla guerra in Ucraina 

Ucraina: Fassino, Ue non disattenda la speranza di chi vuole aderire 


Commenta... oppure


torna su

Agenda

DoLuMaMeGiVeSa
1 2 3 4
5678910 11
12 13 1415 16 17 18
19 20 21 222324 25
26 27 28 29 30

Rassegna stampa