Registrati

Privacy

Informativa ai sensi dell'art. 13 del decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196. La raccolta e il trattamento dei dati sono effettuati limitatamente ai fini connessi alla gestione operativa e amministrativa del servizio. I dati sono trattati con strumenti informatici e telematici e non saranno comunicati a terzi. Il titolare del trattamento è AreaDem.
* Acconsento al trattamento dei miei dati personali
Log in

 
Registrazione al sito - Login al sito

Cooperazione, Sereni: grande apporto da ong e societa' civile - Intervista di Vita

11 Marzo 2022

"Oggi le ong sono in prima fila, senza la loro competenza ed esperienza non sarebbe possibile realizzare la campagna di vaccinazione nei Paesi a basso reddito per la quale la comunità internazionale si è impegnata, ma la collaborazione tra politica e ong può e deve andare oltre l'emergenza sanitaria": lo dichiarato in un'intervista al settimanale Vita la Vice Ministra degli Esteri Marina Sereni.
"C'è una Italia che coopera: tanti cittadini, tra cui anche molti giovani che partecipano ogni giorno all'attività delle organizzazioni della società civile, nel nostro Paese e nel mondo; sono il segno di un diffuso spirito di solidarietà, senza di loro il sistema italiano della cooperazione allo sviluppo non esisterebbe. Penso che la politica debba riconoscere pienamente l'apporto che il mondo delle ong, delle osc, secondo la nostra legge, può dare", ha continuato.
"La legge di riforma della cooperazione internazionale - spiega Sereni - ha ampliato il ruolo delle organizzazioni della società civile come soggetti a pieno titolo del sistema italiano di cooperazione allo sviluppo, insieme a un ampio ventaglio di altri attori: associazioni di commercio equo e solidale, enti di promozione sociale e, non ultimo, le diaspore.
La legge - prosegue la Vice Ministra - prevede il Consiglio Nazionale per la Cooperazione allo Sviluppo, che raccoglie tutti i principali soggetti pubblici e privati della cooperazione. In alcuni casi la Farnesina ha avviato Tavoli di coordinamento che hanno coinvolto in modo attivo le ong interessate, le Regioni, gli enti locali, le università. Questi Tavoli - conclude Sereni - consentono lo scambio continuo di informazioni e l'individuazione di esigenze e priorità per definire insieme le priorità e la programmazione delle iniziative".

Ucraina: Sereni, 25 milioni di euro per aiuti dalla Cooperazione italiana» 

Sereni presiede il Comitato Congiunto per la Cooperazione allo Sviluppo» 

Ue: Sereni, con capacita' di difesa rafforzare la promozione dei diritti 


Commenta... oppure


torna su

Agenda

DoLuMaMeGiVeSa
1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31

Rassegna stampa