Registrati

Privacy

Informativa ai sensi dell'art. 13 del decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196. La raccolta e il trattamento dei dati sono effettuati limitatamente ai fini connessi alla gestione operativa e amministrativa del servizio. I dati sono trattati con strumenti informatici e telematici e non saranno comunicati a terzi. Il titolare del trattamento Ŕ AreaDem.
* Acconsento al trattamento dei miei dati personali
Log in

 
Registrazione al sito - Login al sito

Sereni: L'Italia preme sull'Etiopia, continuare verso la pace. - Intervista di Avvenire

03 Marzo 2022

Incoraggiamo il dialogo. Va creato un corridoio per gli aiuti in Tigrai e nelle regioni Afar e Amhara e serve veritÓ sui crimini.

L'Italia vuole sostenere i segnali di pace giunti dall'Etiopia e rilanciare i progetti di cooperazione in un Paese ulteriormente impoverito da guerra e siccità. Marina Sereni, viceministro degli Esteri, in una intervista ad Avvenire, traccia un bilancio dei tre giorni ad Addis Abeba nella prima visita ufficiale di un esponente governativo italiano dopo lo scoppio del conflitto in Tigrai 16 mesi fa. "Il governo federale ha deciso di fermarsi e di non avanzare in Tigrai; poi ha liberato alcuni prigionieri politici del fronte popolare di liberazione tigrino (Tplf) e del fronte di liberazione oromo (Olf), quindi ha concluso lo stato di emergenza e costituito la commissione nazionale per il dialogo e la riconciliazione nel quale, però, non c'è ancora il Tplf. Abbiamo detto alle autorità etiopi che vogliamo incoraggiare il dialogo nazionale inclusivo, che non è scontato perché ci sono ancora scontri e non tutti gli attori stanno partecipando. Ora vanno aumentate le possibilità di accesso degli aiuti umanitari alle aree colpite dalla guerra". E si stanno sbloccando gli aiuti dopo circa nove mesi di stop e milioni di persone alla fame... "Sono ripresi e aumentati i voli umanitari dell'Onu e della Croce rossa internazionale per Macallè, ma non è ancora sufficiente a coprire il grande fabbisogno perché da qui non è possibile raggiungere tutte le aree colpite in Tigrai e nelle regioni Afar e Amhara. Stiamo spingendo le parti a creare un corridoio di terra". A che punto sono i progetti della cooperazione italiana? "Ne abbiamo in corso più di 60 in agricoltura, educazione e sanità. Ho incontrato diverse organizzazioni della società civile italiana che non sono mai andate via. Abbiamo sbloccato alcuni progetti per lo sviluppo e l'occupazione delle fasce deboli finanziati dalla cooperazione. Abbiamo visitato i salesiani, che abbiamo aiutato quando sono stati arrestati lo scorso novembre e i cui progetti sono giù autosufficienti. Ora vogliamo sostenere anche le popolazioni dell'Oromia e della regione dei Somali colpite dalla siccità peggiore degli ultimi 40 anni".


Articolo di Marina Sereni: L'Italia preme sull'Etiopia: Continuare verso la pace»


Il viaggio di Marina Sereni in Etiopia»


Sereni, Italia impegnata per la stabilità nel Sahel
La Vice Ministra degli Esteri Marina Sereni ha partecipato alla terza riunione ministeriale della Coalizione per il Sahel che si è svolta oggi in videoconferenza. La Coalizione per il Sahel raduna più di 60 Paesi impegnati nella stabilizzazione della regione saheliana che rappresenta il confine meridionale dell'area del Mediterraneo allargato. La stabilità della regione è minacciata dai gruppi armati jihadisti e da una grave crisi umanitaria. La Vice Ministra – riferisce una nota - ha confermato l'impegno dell'Italia a favore della stabilità del Sahel e della protezione delle popolazioni civili, in coordinamento con i partner della Coalizione sul piano del contrasto al terrorismo, dell'aiuto per lo sviluppo sostenibile e per il contrasto degli effetti del cambiamento climatico.



Cile: Sereni venerdì a insediamento nuovo presidente Boric
"La vice ministra degli Esteri Marina Sereni rappresenterà l'Italia nel passaggio di consegne presidenziale" in Cile, "sottolineando ancora una volta la stretta amicizia che lega i nostri Paesi". Lo ha scritto su Twitter l'ambasciatore italiano in Cile, Mauro Battocchi, rilanciando un articolo della testata online cilena Vivere all'italiana in vista dell'insediamento del presidente Gabriel Boric venerdì 11 marzo.
Articolo»


Ucraina: Sereni, l'astensione dei Paesi africani dal voto Onu e' una sfida per il modello democratico 


 
Contro la guerra, a fianco dell’Ucraina - dal Blog di Marina Sereni 
Ucraina: Sereni, Lavoriamo a un contributo di 25 milioni a Onu e Croce Rossa 

Sereni: un 8 marzo di resistenza per pace e diritti  


Commenta... oppure


torna su

Agenda

DoLuMaMeGiVeSa
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28

Rassegna stampa