Registrati

Privacy

Informativa ai sensi dell'art. 13 del decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196. La raccolta e il trattamento dei dati sono effettuati limitatamente ai fini connessi alla gestione operativa e amministrativa del servizio. I dati sono trattati con strumenti informatici e telematici e non saranno comunicati a terzi. Il titolare del trattamento Ŕ AreaDem.
* Acconsento al trattamento dei miei dati personali
Log in

 
Registrazione al sito - Login al sito

Zanda: Partiti deboli e litigiosi, ora basta incidenti o salta tutto - Intervista de La Repubblica

20 Febbraio 2022

Far cadere il governo non conviene a nessuno. Le Camere sono in crisi da anni.

Se non ci fosse intesa "tra Draghi e i partiti della sua maggioranza, il governo non avrebbe più ragione di esistere". Lo dice in un'intervista a La Repubblica il senatore Pd Luigi Zanda, ex capogruppo del Partito Democratico a Palazzo Madama. "Le scaramucce parlamentari non servono a Draghi, né al Parlamento, né ai partiti". Soprattutto sarebbero "un dramma per l'Italia" sottolinea. Nemmeno alla Lega "conviene danneggiare l'Italia. Aggiungo che neppure conviene all'opposizione di Giorgia Meloni, che non a caso ci tiene a sottolineare di guidare un partito patriottico" aggiunge. L'incidente politico sul Milleproroghe "non ha riguardato questioni marginali. Perciò è giusto che Draghi abbia voluto valutare la tenuta della sua maggioranza". Nel percorso delle riforme, per Zanda "sarebbe importante approvare la sfiducia costruttiva, l'attuazione dell'articolo 49 della Costituzione sui partiti, i regolamenti parlamentari. Oltre a riforme su giustizia, economia ambiente".


Commenta... oppure


torna su

Agenda

DoLuMaMeGiVeSa
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28

Rassegna stampa