Registrati

Privacy

Informativa ai sensi dell'art. 13 del decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196. La raccolta e il trattamento dei dati sono effettuati limitatamente ai fini connessi alla gestione operativa e amministrativa del servizio. I dati sono trattati con strumenti informatici e telematici e non saranno comunicati a terzi. Il titolare del trattamento è AreaDem.
* Acconsento al trattamento dei miei dati personali
Log in

 
Registrazione al sito - Login al sito

Vaccini, Toia a Radio Immagina: su produzione c'è stata una sottovalutazione

13 Febbraio 2021




Toia: l'Europa al fianco dei giovani malati di cancro

Toia: l'educazione digitale come antidoto ai pericoli sulla rete

Giornata mondiale del malato, Patrizia Toia: prendiamoci cura delle persone più fragile e più sole

“Lo dico da tempo e su questo ho presentato diverse interrogazioni alla Commissione europea: sui vaccini non possiamo aspettare troppo senza intervenire per aumentare la quantità di dosi di vaccini e attivare nuovi siti produttivi. Abbiamo una grande responsabilità pubblica e non possiamo dipendere solo dalla capacità produttiva delle singole aziende, per questo chiedo che si faccia una rigorosa programmazione, se serve, si prenda in considerazione la possibilità di ricorrere alle cosiddette "licenze obbligatorie", cioè la possibilità di produrre vaccini anche per aziende che non detengono la proprietà del brevetto, che rimane valida, dietro il pagamento di "royalties”. Lo ha spiegato l'eurodeputata Patrizia 
Toia, intervenendo a Radio Immagina.“Da parte della Commissione europea – ha aggiunto – c'è stata una sottovalutazione di questo aspetto , come ha anche ammesso la presidente Von der Leyen”. Per Toia, vicepresidente della commissione Industria, Ricerca ed Energia, le eventuali licenze obbligatorie non risolverebbero comunque il problema della mancanza di attrezzature e infrastrutture farmaceutiche e “per questo – ha detto – l'Italia si deve impegnare a fare una seria politica industriale aumentando le filiere di produzione della sanità e della farmaceutica. Anche se ci vorranno parecchi mesi 6-7 mesi, l'operazione va comunque fatta, perché forse avremo bisogno di vaccini ben oltre i 6-7 mesi , soprattutto se ci sarà bisogno di una seconda vaccinazione o se le varianti del virus imponessero altre esigenze”. 




Commenta... oppure


torna su

Agenda

DoLuMaMeGiVeSa
1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 1718 19 20
21 22 23 24 25 2627
28

Rassegna stampa