Registrati

Privacy

Informativa ai sensi dell'art. 13 del decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196. La raccolta e il trattamento dei dati sono effettuati limitatamente ai fini connessi alla gestione operativa e amministrativa del servizio. I dati sono trattati con strumenti informatici e telematici e non saranno comunicati a terzi. Il titolare del trattamento è AreaDem.
* Acconsento al trattamento dei miei dati personali
Log in

 
Registrazione al sito - Login al sito

Crisi, Pinotti: si può ancora evitare. Cambio di passo, non di governo - intervista di Affaritaliani

11 Gennaio 2021

“Serve un solido patto di legislatura”. E il rimpasto? “Non è una nostra richiesta, ma non porremmo veti”



Mentre non si contano più i giorni da quando Italia viva ha messo in fibrillazione governo e maggioranza e lo spauracchio della crisi non pare allontanarsi, nel Pd l’obiettivo principale a cui si lavora in queste ore rimane quello di “risolvere l’impasse”. Perché, come ha sottolineato, in un’intervista ad Affaritaliani.it, la senatrice dem e presidente della commissione Difesa Roberta Pinotti, “in politica mai nulla è inevitabile”.

Presidente, ma vede anche lei la “tempesta perfetta” di cui parla oggi Goffredo Bettini? 
Oggettivamente Bettini ha indicato la situazione di difficoltà che stiamo vivendo in Italia, ma l’ha anche inquadrata in un quadro complessivo. Da un lato, la ferita alla tradizione democratica degli Stati Uniti, dopo quanto accaduto a Capitol Hill, e dall’altro la fase che sta vivendo l’Europa che è in attesa di risposte dai Paesi membri, compresa l’Italia, sul Recovery plan, da consegnare entro febbraio, fanno sì che ci sia bisogno in questo momento di una guida sicura e certa del governo e non di continue fibrillazioni e decisioni procrastinate. 

D’accordo, quindi, che questa tempesta vada arginata?
E’ un ragionamento che ho condiviso e che carica sulle nostre spalle ancora maggiore responsabilità. Proprio perché mai si vive in un contesto slegato da ciò che ci accade intorno. E, dunque, dare dimostrazione che l’Italia sappia imboccare la strada giusta per i cittadini rafforzerebbe ancora di più quel fronte anti-sovranista che noi dobbiamo potenziare.

C’è ancora qualche spiraglio che la crisi possa essere evitata, secondo lei?
In politica mai nulla è inevitabile e tutto dipende dalla volontà di chi detiene i perni delle decisioni. Siamo convinti - ma questo il Partito democratico lo dice da novembre - che il governo debba cambiare passo. E’ una richiesta che continuiamo a sostenere. Ma, attenzione: cambiare passo. Noi non pensiamo infatti che si debba cambiare governo. Sono due cose diverse. 

Come si articola tale cambio di passo?
Noi abbiamo indicato le nostre priorità in proposito, mettendo al centro le politiche attive del lavoro e gli investimenti, l’innovazione, la salute, il sociale e le riforme istituzionali. Sentiamo l’urgenza di inviare nei tempi previsti il piano del Recovery in Europa, perché è il progetto di futuro del nostro Paese, sul quale, tra l’altro, abbiamo avanzato le nostre proposte di integrazione. Ma sentiamo pure la necessità di un solido patto di legislatura, da cui discenderebbe una solida guida del governo. Un patto che necessariamente va rivisto, rispetto a quello iniziale, anche perché questo esecutivo è nato quando ancora la pandemia non c’era.

E il rimpasto non fa parte delle vostre priorità?
Abbiamo detto che qualora fosse risultato necessario rinforzare la squadra di governo, non avremmo posto veti. Ma non è una nostra richiesta specifica, al contrario delle altre due.  

Intanto, proprio sul Recovery, Renzi insite e chiede di potere vedere il documento completo prima di sciogliere le sue riserve. Lei è soddisfatta delle modifiche apportate rispetto alla prima bozza?
Esprimo soddisfazione per le modifiche contenute nel Recovery, che abbiamo contribuito ad apportare. Noi del Pd abbiamo insistito molto su varie questioni, ma le direttrici principali sono state l’attenzione ai giovani, l’attenzione al riequilibrio di genere quale fattore chiave di sviluppo ed il sostegno a lavoro e imprese all’interno di una svolta green. Che è poi uno dei criteri del Recovery, ma che il Partito democratico sente fortemente suo.

Il leader di Italia viva, da un lato, chiede di accelerare, ma dall’altro minaccia di ritirare la delegazione dei suoi ministri. Con il Recovery da approvare, non crede sia in contraddizione?
Non voglio giudicare il comportamento di altri. Il governo è composto da Pd, M5s, Leu e Italia viva ed io credo che il lavoro possa essere migliore solo se a portarlo avanti sono queste forze politiche insieme. Un noi versus voi quando si fa parte dello stesso esecutivo lo trovo un po’ distonico rispetto alla realtà delle cose. Mi limito solo ad aggiungere un particolare.

Quale?
E’ vero che sul Recovery corretto è uscita inizialmente solo una sintesi, ma Renzi, che è stato presidente del Consiglio, sa bene che nel momento in cui si modifica un documento con poste di bilancio così consistenti - stiamo parlando di 209 miliardi -, poi bisogna far lavorare gli uffici per riequilibrare tali poste. Comunque, a breve, ci sarà il documento completo nel quale le indicazioni e le proposte sono state tradotte in progetti e soprattutto le poste di bilancio sono state riequilibrate. 

Dal Colle più alto il messaggio che arriva è quello di mettere al sicuro il Recovery plan. Condivide?
La ‘moral suasion’ di cui parlano i giornali di oggi, nei messaggi del presidente Mattarella la ascoltiamo da tempo. Nel suo discorso per i tradizionali auguri di fine anno si è soffermato proprio sul Recovery e sulla straordinaria occasione che rappresenta per dare un futuro al nostro Paese e superare debolezze ataviche che ci frenano. Non mi stupisco, quindi, che, in un momento in cui sembra dipanarsi una crisi, il capo dello Stato, senza mai entrare nel vivo della discussione politica, ci ricordi le responsabilità che abbiamo come classe dirigente. Non va dimenticato che proprio con questo esecutivo l’Italia è tornata ad essere credibile in Europa. Ecco perché sprecare un’occasione storica come quella del Recovery sarebbe incomprensibile.

Renzi, insomma, ha ragione nel merito, ma sbaglia il metodo?
Non mi stupisco che alcuni temi da lui sottolineati siano gli stessi indicati dal Partito democratico. D’altronde, Renzi era il segretario del Pd e quasi tutti i parlamentari di Italia viva sono stati eletti tra le fila del Partito democratico. Credo che insistere sui temi sia stato importante e il Pd lo ha fatto. Ma non ha mai alzato i toni della comunicazione, consapevole che l’importante fosse arrivare al risultato.

C’è la stessa sintonia anche sulla questione della delega ai Servizi segreti?
Il tema della delega è differente da altri. Intanto, sulla base della legge vigente, la responsabilità è in capo al presidente del Consiglio. Non è un tema che possa diventare merce politica di scambio. Il presidente del Consiglio può scegliere a una persona di sua fiducia a cui affidare la delega. Il Pd ha sottolineato come in un in momento in cui il premier ha così tanto da fare, forse avere un’autorità delegata potrebbe essere utile. Tutto qui.

Nell’ipotesi di crisi, Conte per voi non si tocca. Davvero l’unica alternativa rimane il voto?
Noi stiamo lavorando perché si risolva l’impasse e non ci sia il voto. Questo è il nostro obiettivo. Inoltre, sappiamo che Conte è il punto d’equilibrio unitario per questa coalizione. Non si possono fare ragionamenti che prescindono dalle condizioni date.

E quali sono queste condizioni date?
Le condizioni date sono che questa è una coalizione le cui forze in campo hanno trovato una sintesi nel presidente Conte. Lavoriamo, dunque, perché si riesca a procedere su questa strada. Non siamo noi che faremmo eventualmente scivolare il Paese verso l’appuntamento elettorale, perché pensiamo che sarebbe una eventualità sciagurata.  

Vedrebbe di buon occhio l’ingresso dei leader politici nell’esecutivo? Oggi sempre Bettini ha ribadito che “un governo più politico è una garanzia per la stabilità dello stesso Conte”.
Il punto posto da Bettini, con saggezza ed equilibrio, è quello dell’importanza di un rafforzamento politico del governo. Ed è un obiettivo che condivido. Poi, i modi per rafforzarlo possono essere diversi. Personalmente, credo che un patto di legislatura sia l’elemento centrale per il futuro dell’esecutivo. A patto che sia fatto con “disciplina ed onore” da coloro che debbono siglarlo. Nello spirito cioè che “pacta servanda sunt”.

E come la mettiamo con la distanza che ormai si è creata tra Renzi e il premier? Non rischia di rendere ancora più difficile la navigazione di un governo a guida Conte?
In politica c’è sempre un domani…


Commenta... oppure


torna su

Agenda

DoLuMaMeGiVeSa
1
23 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 1718 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31

Rassegna stampa