Registrati

Privacy

Informativa ai sensi dell'art. 13 del decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196. La raccolta e il trattamento dei dati sono effettuati limitatamente ai fini connessi alla gestione operativa e amministrativa del servizio. I dati sono trattati con strumenti informatici e telematici e non saranno comunicati a terzi. Il titolare del trattamento è AreaDem.
* Acconsento al trattamento dei miei dati personali
Log in

 
Registrazione al sito - Login al sito

Mes: Sassoli, bloccarlo è inutile e dannoso per l'Italia

03 Dicembre 2019

'Daremmo un segnale di difficoltà'



"Bloccare il Mes sarebbe inutile. E sarebbe anche dannoso per l'Italia, perché il nostro Paese darebbe un segnale di difficoltà": lo ha dichiarato in un'intervista a Sky News 24 il presidente del Parlamento europeo, David 
Sassoli, che ha ricordato come "nessun Paese sia a rischio di essere sottoposto a questo meccanismo". Sassoli ha detto che la riforma del fondo salva-stati darà all'organismo "più spirito comunitario". Può migliorare, ha detto, "ma non possiamo tornare indietro".

Sassoli: su Mes non si può tornare indietro
Presidente Europarlamento: aggiungere più spirito comunitario

"Vogliamo che tutti questi strumenti diventino più comunitari, per fare questo non possiamo tornare indietro. È stata fatta una riforma sul meccanismo di stabilità, credo sia migliore di quello precedente e dobbiamo continuare. Il meccanismo delle riforme non si ferma: aggiungere più spirito comunitario, più presenza del Parlamento in alcune decisioni in cui il meccanismo viene attivato. Credo che tutto questo sia possibile. Fermarlo credo che possa essere abbastanza inutile e dannoso per un paese come l'Italia perché sarebbe un segnale di difficoltà, in questo momento perché dare un segnale di questo genere? Nessun Paese europeo è a rischio di attivazione di quel meccanismo, è un'assicurazione, sono stati accantonati dei soldi nel caso capitasse qualcosa, probabilmente non autoprodotto dalla finanza europea, ma da finanze incontrollabili". Così a Sky TG24 Mondo il presidente del Parlamento Europeo David 
Sassoli, parlando del Mes.


Balcani: Sassoli, allargamento sia nuova missione Ue
'Parlamento Ue farà ogni sforzo per successo integrazione'

"Faremo ogni sforzo perché il percorso di adesione" dei Balcani occidentali "vada avanti e si concluda positivamente", diventando "una nuova missione" per l'Ue: così il presidente del Parlamento europeo, David 
Sassoli, aprendo una tavola rotonda sui Balcani occidentali con il neo commissario Ue all'Allargamento, Oliver Varhelyi, e alcuni rappresentanti politici dei sei Paesi balcanici. "Bisogna continuare a progredire sulla via delle riforme, un impegno che l'Ue chiede a tutti i Paesi", ha detto Sassoli, ricordando che nella regione balcanica "sono stati fatti molti sforzi e altri debbono essere fatti" per raggiungere una completa integrazione nell'Ue. Sassoli ha ricordato che, insieme, Bruxelles e i partner balcanici sono chiamati ad affrontare molte sfide, tra cui quelle dei migranti e dei cambiamenti climatici. "La vostra voglia di partecipare all'Unione è simmetrica alla nostra, siamo tutti europei", ha sottolineato il presidente dell'Europarlamento.


Brexit: Sassoli, se ci saranno visti, ci sarà reciprocità

"Non avremmo voluto discutere di questo, a se nel Regno Unito si entrerà con un passaporto, si uscirà con un passaporto. Non è una cosa che fa piacere agli europei, né alla metà dei britannici. Ma la reciprocità in questo caso sarà obbligatoria": lo ha detto il presidente del Parlamento europeo David 
Sassoli a SkyTg24, rispondendo ad una domanda sulla proposta di introdurre visti per cittadini Ue che si recano in Gb dopo la Brexit. "Dispiace che questa proposta sia stata avanzata in campagna elettorale da esponenti del governo britannico", ha sottolineato. 







Commenta... oppure


torna su

Agenda

DoLuMaMeGiVeSa
12345
6789101112
1314 151617 18 19
20 21 22 23 24 2526
27 2829 30

Rassegna stampa