Registrati

Privacy

Informativa ai sensi dell'art. 13 del decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196. La raccolta e il trattamento dei dati sono effettuati limitatamente ai fini connessi alla gestione operativa e amministrativa del servizio. I dati sono trattati con strumenti informatici e telematici e non saranno comunicati a terzi. Il titolare del trattamento è AreaDem.
* Acconsento al trattamento dei miei dati personali
Log in

 
Registrazione al sito - Login al sito

Baretta: i miglioramenti? Non sono elettorali - intervista del Corriere della Sera

30 Ottobre 2019

Altre modifiche possibili, ma l'impianto non si tocca




La cedolare secca che resta al 10%, un intervento in favore delle partite Iva. Sottosegretario all'Economia Pier Paolo Baretta queste piccole modifiche al disegno di legge di Bilancio sono figlie della batosta elettorale in Umbria?

«Non direi proprio, sono figlie del buon senso. La manovra di bilancio è un lavoro che trascende da un risultato elettorale, pur importante e da tenere nella giusta considerazione, come quello di domenica».

Ma ci dobbiamo aspettare altri segnali di buon senso in vista del voto in EmiliaRomagna, a gennaio?

«La manovra di bilancio ha un impianto che nei suoi assi portanti non può e non deve essere toccato: lo stop all'aumento dell'Iva, il cuneo fiscale, gli investimenti. Dopodiché i miglioramenti sono sempre possibili, adesso come in Parlamento».

E quali altri miglioramenti sono possibili, secondo lei?

«Vedremo quali saranno quelli proposti dal Parlamento, anche dall'opposizione. Naturalmente a patto di non toccare i saldi complessivi. Personalmente credo che un ulteriore aumento dei fondi per le non autosufficienze sarebbe una cosa buona e giusta».

Nella maggioranza, però, cresce l'idea di dare un segnale di abbassamento della pressione fiscale. È solo una promessa per ritrovare un po' di consenso o c'è qualcosa di concreto?

«Intanto questa manovra ha fermato l'aumento di Iva e accise per 23 miliardi di euro. Abbiamo quindi impedito un enorme aumento delle tasse».

Ma è sicuro che il cittadino se ne accorgerà? Trovare 23 miliardi non è stato facile, ma è servito solo a non far scattare gli aumenti. Dal punto di vista politico è un gioco a somma zero, non crede?

«Non sono d'accordo. I cittadini sanno bene che cosa sarebbe successo se non avessimo fermato gli aumenti. Ci sarebbe stato un aggravio di costi di oltre 50o euro a famiglia. Però, certo, bisogna guardare avanti».

Nella prossima manovra di bilancio saremo punto e da capo: bisognerà fermare aumenti dell'Iva per 18 miliardi. Poco meno di quelli che avete fermato adesso.

«Appunto. Io credo che bisognerà mettere mano a una grande discussione sul Fisco che consenta di abbassare l'Irpef, la tassa sulle persone fisiche. Ma che, allo stesso tempo, esamini di nuovo la questione della rimodulazione dell'Iva e il capitolo delle tax expenditures, cioè delle agevolazioni fiscali».

Ne avevate parlato anche per questa manovra ma alla fine non ne avete fatto nulla. Perché dovrebbe andare in un altro modo?

«E vero, quest'anno ne abbiamo parlato a lungo ma alla fine è prevalsa l'idea di uno stop integrale all'Iva. L'anno prossimo avremo più tempo per una riforma organica che consenta di avere più risorse per tutti gli interventi a sostegno della crescita e in chiave sociale». 


Commenta... oppure


torna su

Agenda

DoLuMaMeGiVeSa
1 2
3 4 5 67 89
10 1112 13 141516
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 2930

Rassegna stampa