Registrati

Privacy

Informativa ai sensi dell'art. 13 del decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196. La raccolta e il trattamento dei dati sono effettuati limitatamente ai fini connessi alla gestione operativa e amministrativa del servizio. I dati sono trattati con strumenti informatici e telematici e non saranno comunicati a terzi. Il titolare del trattamento è AreaDem.
* Acconsento al trattamento dei miei dati personali
Log in

 
Registrazione al sito - Login al sito

Bene Pd nei Comuni, modello vincente per nuovo centrosinistra - dal blog di Marina Sereni

10 Giugno 2019


  • ELEZIONI: SERENI, 'BENE PD NEI COMUNI, MODELLO VINCENTE PER NUOVO CENTROSINISTRA'
    Coalizioni larghe, ha ragione Prodi - Renzi? Per battere Salvini guardiamo a futuro lasciamo perdere passato 

     

    Roma, 10 giu. (AdnKronos) (di Mara Montanari) - Qualche "ferita dolorosa" come Ferrara, Forli, l'Umbria. Ma tanti comuni che restano al centrosinistra e alcune vittorie "significative" come a Livorno e a Rovigo. "Non esistono più roccaforti ma, per quanto Salvini se la racconti, la Lega non ha sfondato e noi siamo in partita". Marina Sereni, responsabile Enti locali del Pd, fa il punto con l'Adnkronos sulla tornata amministrativa che si è appena conclusa. "Non possiamo che essere soddisfatti. Ora sta a noi ripartire e proprio dal voto delle città arriva l'indicazione su come andare avanti, la strada da seguire. Dove abbiamo costruito coalizioni larghe, inclusive, aperte al civismo vinciamo. Questo è il modello per il nuovo centrosinistra".

    Sereni, come valuta il Pd la tornata amministrativa? "Siamo soddisfatti. C'è un dato di inversione di tendenza: dopo il 2014 il centrosinistra aveva avuto sempre risultati negativi e in particolar modo nei ballottaggi dove i voti di destra e M5S si sono sempre sommati contro il Pd. Stavolta non è andata così. Questo fenomeno non c'è più".

    "E' un risultato importante, significativo -sottolinea Sereni- che ci dice che non esistono più roccaforti ma anche che non c'è stato lo sfondamento della Lega. Il nostro radicamento in Emilia e in Toscana non è stato travolto. In Puglia abbiamo strappato 6 comuni alla destra nei ballottaggi, governiamo 4 capoluoghi su 5. In Campania, dove pure abbiamo faticato a costruire coalizioni, vinciamo a Nola per la prima volta nella storia, vinciamo a Casoria. E' un primo passo, non bisogna rilassarsi, c'è una grande azione di rinnovamento da mettere in campo ma ci sono segnali di assoluta controtendenza rispetto al passato".

    Sereni, come non 'sprecare' i risultati di europee e amministrative? Prodi parla di 'coalizione riformista', è quella la strada? "Assolutamente sì. Se vai a guardare i dati del territorio, dove abbiamo costruito coalizioni larghe, veramente inclusive e civiche questo ha portato risultati. Dove si è litigato, al secondo turno non è andata bene. Il Pd ha la responsabilità di mettersi al lavoro e al servizio di un nuovo centrosinistra. Noi dobbiamo costruire su scala nazionale uno schema che rassomigli il più possibile a quello che abbiamo visto vincere nei comuni".

    Quanto tempo c'è a disposizione? Vedete più lontane le politiche? "La litigiosità di questa maggioranza assume ogni giorno forme nuove. Abbiamo avuto per mesi Salvini contro Di Maio, ora ci sono Salvini-Di Maio contro Conte-Tria... le liti permangono, le soluzioni ai problemi crescenti del Paese continuano a non esserci. Non so quando si andrà a votare, ma quello che ogni giorno diventa più chiaro è che questo governo non ha una visione unitaria sul da farsi. E intanto aumentano le crisi aziendali, cresce la cassa integrazione e anche le aziende che prima stavano andando bene ora soffrono. Che fa il governo di fronte a tutto questo? Non pervenuto".

    Ieri Renzi parlando a Bologna è stato molto duro, specie su Enrico Letta. Renzi è un problema per il Pd? "Renzi ha un suo profilo ed è sicuramente una personalità importante. Ma credo che valga per lui, come per tutti, un principio: se il Pd vuole essere punto di riferimento di un nuovo centrosinistra deve guardare avanti e non indietro. L'apertura di credito che abbiamo avuto dagli elettori a europee e amministrative, credo ci dica questo. Siamo in un mondo totalmente cambiato, dove c'è una grandissima volatilità nel voto.
    Attardarsi su quello che è stato non è utile né al Pd né al centrosinistra. E se vogliamo battere Salvini, dobbiamo concentrarci al futuro e non sul passato".



Commenta... oppure


torna su

Agenda

DoLuMaMeGiVeSa
1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30

Rassegna stampa