Registrati

Privacy

Informativa ai sensi dell'art. 13 del decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196. La raccolta e il trattamento dei dati sono effettuati limitatamente ai fini connessi alla gestione operativa e amministrativa del servizio. I dati sono trattati con strumenti informatici e telematici e non saranno comunicati a terzi. Il titolare del trattamento è AreaDem.
* Acconsento al trattamento dei miei dati personali
Log in

 
Registrazione al sito - Login al sito

Infanzia: Di Biase, dati del Lazio allarmanti, dobbiamo fare di più

14 Maggio 2019



''I dati riferiti al Lazio anche quest'anno sono allarmanti e preoccupanti: la nostra regione resta indietro nell'arginare e nel prevenire questo terribile fenomeno". Così la consigliera regionale del Pd, Michela Di Biase, intervenuta questa mattina, presso la Camera dei deputati, alla presentazione della seconda edizione dell'Indice regionale sul maltrattamento all'infanzia in Italia, 'L'ombra della povertà', realizzato da Cesvi. "È importante e necessario comprendere quale sia il contesto di riferimento dei bambini per mettere in campo azioni di prevenzione dal maltrattamento tra le mura di casa, il luogo che, invece, dovrebbe rappresentare, soprattutto per un bambino, un posto di quiete, protezione e cura. L'indice regionale sul maltrattamento all'infanzia rappresenta sicuramente uno strumento prezioso per le regioni e per gli amministratori, perché restituisce un panorama completo ed elabora una descrizione puntale del contesto socio-economico nel quale l'abuso si sviluppa. Grazie all'Indice, abbiamo la possibilità di migliorare le nostre azioni e realizzare operazioni più mirate e più efficaci''. 


Michela Di Biase ha poi ribadito la necessità di sostenere con più forza anche gli interventi contro la violenza sulle donne: ''Prevenire e arginare il maltrattamento sui bambini significa anche eludere la violenza contro le donne, visto che i due fenomeni, purtroppo, sono molto spesso collegati tra loro perché scaturiti da contesti con fattori di rischio comuni. La nostra Regione, in questi anni, ha sostenuto una grande campagna di sensibilizzazione contro la violenza di genere e investito ingenti risorse per la prevenzione e il sostegno alle vittime, con 11 nuovi centri antiviolenza e case rifugio nel territorio. Anche il nuovo Piano sociale regionale, prevede investimenti sui servizi e sugli interventi finalizzati ad assicurare migliori opportunità e diritti per l'infanzia e l'adolescenza''. In conclusione: ''I dati dell'Indice, però, ci dicono che dobbiamo fare di più che dobbiamo mettere in campo azioni nuove e più significative. Il mio lavoro - spiega Di Biase - in questi mesi, sarà quello di rendere più incisiva l'azione regionale in tale ambito, per i minori ma anche per le donne. Prima ancora che come amministratori, ognuno di noi deve predisporsi all'ascolto: le madri che subiscono violenza, i bambini vittime di abusi. L'ascolto del minore che subisce maltrattamenti è la sfida di ogni adulto, il punto di partenza per comprendere e riconoscere i segnali della violenza''.









Commenta... oppure


torna su

Agenda

DoLuMaMeGiVeSa
1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 1213
14 15 1617 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31

Rassegna stampa