Registrati

Privacy

Informativa ai sensi dell'art. 13 del decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196. La raccolta e il trattamento dei dati sono effettuati limitatamente ai fini connessi alla gestione operativa e amministrativa del servizio. I dati sono trattati con strumenti informatici e telematici e non saranno comunicati a terzi. Il titolare del trattamento è AreaDem.
* Acconsento al trattamento dei miei dati personali
Log in

 
Registrazione al sito - Login al sito

Reddito: Parente, chi ne avrebbe più bisogno è rimasto escluso

13 Maggio 2019



"I primi dati sul reddito di cittadinanza disegnano il quadro di una promessa elettorale non mantenuta dal governo M5s-Lega: proprio chi ne avrebbe più bisogno è rimasto escluso. Il reddito sta creando nuove discriminazioni nei confronti dei più poveri, delle famiglie numerose e con figli disabili, di chi ha perso il lavoro da poco. Sto raccogliendo un dossier di 'casi', le persone escluse ingiustamente mi scrivono. Ne farò un dossier e lo renderò pubblico e sui criteri di attribuzione dell'assegno che creano discriminazioni inaccettabili sto presentando un'interrogazione parlamentare". Lo dice la senatrice del Pd Annamaria 
Parente, vicepresidente della Commissione Lavoro. "Come avevamo detto - prosegue Parente - il reddito di cittadinanza confonde la povertà e la disabilità con la disoccupazione. Il risultato è che chi è senza lavoro non viene aiutato a trovarlo, mentre chi è senza fissa dimora non può fare domanda. Non solo: sono favoriti i single contro chi ha molti figli e contro i genitori di figli disabili".


Commenta... oppure


torna su

Agenda

DoLuMaMeGiVeSa
1 2 3 4
5 6 78 9 10 11
1213 14 15 16 1718
1920 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31

Rassegna stampa