Registrati

Privacy

Informativa ai sensi dell'art. 13 del decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196. La raccolta e il trattamento dei dati sono effettuati limitatamente ai fini connessi alla gestione operativa e amministrativa del servizio. I dati sono trattati con strumenti informatici e telematici e non saranno comunicati a terzi. Il titolare del trattamento è AreaDem.
* Acconsento al trattamento dei miei dati personali
Log in

 
Registrazione al sito - Login al sito

Nicola Zingaretti: sbaracchiamo la sede del Nazareno, spalancherò porte e finestre per costruire un partito diverso

10 Marzo 2019

Il segretario del Pd ospite da Fazio: "Vorrei costruire sedi di co-working"


"Vorrei cambiare la sede nazionale del Pd, spostarla da via del Nazareno e costruire sedi con co-working delle idee per ragazzi e ragazze, che ci dicano 'state sbagliando, dobbiamo cambiare posizione. Dobbiamo sbaraccare e ricostruire, aprire una nuova e bella sede con una libreria al piano terra". Lo ha detto il segretario del Pd Nicola Zingaretti a Che tempo che fa su Rai Uno.

"Spalancherò porte e finestre per costruire un partito totalmente diverso. Costruiremo forum tematici anche per chi non è iscritto al Pd".

"E' un'idea, penso che dovremmo dare segnali fisici di come siamo diversi- spiega Zingaretti- le sedi devono essere aperte, se vogliamo far tornare le persone le sedi devono essere aperte". Per questo, conclude, "dobbiamo aprire sedi con co-working per delle idee, di ragazzi e ragazze che ci dicano 'state sbagliando, dobbiamo cambiare posizione'", prosegue Zingaretti, "voglio un partito dove si entra in una riunione con le tue idee ma si esce con l'ebbrezza che qualcuno te le ha fatte cambiare".

Zingaretti con Timmermans: "Per una nuova Europa più forte, più giusta e più sostenibile"


Zingaretti: basta selfie, il governo dia lavoro

“Le drammatiche previsioni dell’Ocse sono un macigno su questo governo. Stanno portando il Paese in una recessione drammatica che pagheranno tutti gli italiani. Ora smettano di perdere tempo con pistole e selfie e inizino a governare e a dare lavoro e sviluppo all’Italia”

“Le drammatiche previsioni dell’Ocse sono un macigno su questo governo. Stanno portando il Paese in una recessione drammatica che pagheranno tutti gli italiani.

 

Ora smettano di perdere tempo con pistole e selfie e inizino a governare e a dare lavoro e sviluppo all’Italia”. Così il segretario del Pd e presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, commenta su Twitter le previsioni diffuse oggi dall’OCSE che attestano il Pil dell’Italia allo -0,2 nel 2019.

 

In mattinata Zingaretti, presentando all’Università di Roma “La Sapienza” il pacchetto di misure regionali sul lavoro per il biennio 2019/2020, ha commentato i dati economici non confortanti che continuano ad arrivare sulla situazione del nostro Paese:

“Purtroppo l’Italia è in recessione, il Paese si sta avviando verso una fase drammatica che il governo sembra non vedere”.

 

“Noi oggi – ha spiegato Zingaretti – siamo in una università a parlare dell’unica cosa importante in questo momento in questo Paese, che è la necessità e l’urgenza di creare lavoro e riaccendere l’economia nel Mezzogiorno, nel Centro e nel Sud Italia. Le ricette in campo – ha concluso – non sono sbagliate solamente, è che non ci sono proprio e questoè molto grave”.

“Su materie come queste – ha concluso – bisogna avere il protagonismo delle forze sindacali e il coraggio dell’ascolto e queste cose non si fanno con i tweet, credo nella forza nel confronto”.


Commenta... oppure


torna su

Agenda

DoLuMaMeGiVeSa
1234567
89 10 11121314
15 16 17 18 19 2021
22 23 24 25 26 27 28
29 30

Rassegna stampa