Registrati

Privacy

Informativa ai sensi dell'art. 13 del decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196. La raccolta e il trattamento dei dati sono effettuati limitatamente ai fini connessi alla gestione operativa e amministrativa del servizio. I dati sono trattati con strumenti informatici e telematici e non saranno comunicati a terzi. Il titolare del trattamento è AreaDem.
* Acconsento al trattamento dei miei dati personali
Log in

 
Registrazione al sito - Login al sito

Rischiamo la recessione, sarà necessaria una manovra correttiva - intervista a Pier Carlo Padoan del Corriere della Sera

14 Gennaio 2019


di Lorenzo Salvia


Pier Carlo Padoan, il suo successore al ministero dell’Economia, Giovanni Tria, dice che l’Italia non è in recessione ma in stagnazione. Sta minimizzando?

 
«Dal punto di vista tecnico c’è recessione quando ci sono due trimestri consecutivi con il segno meno davanti al Pil. Finora ne abbiamo avuto uno solo, il terzo dell’anno scorso. Quando arriveranno i dati del quarto trimestre, a fine gennaio, sapremo se siamo in recessione oppure no».
 

E secondo lei come andrà?

 
«Non faccio pronostici personali, mi limito a osservare quello che dicono i previsori istituzionali. E i segnali purtroppo non sono positivi».
 

Quindi a fine gennaio saremo ufficialmente in recessione?

 
«Possibile. Ma direi che non è questo il punto».
 

E qual è secondo lei?

 
«Se il ministro dell’Economia dice che siamo in stagnazione mi aspetto il sequitur, che dica cioè cosa intende fare per uscirne. Invece lui non lo fa. La ricetta è una solasostenere gli investimenti sia pubblici che privati».
 

È proprio quello che il governo dice di voler fare.

 
«A parole. Gli investimenti pubblici nel 2019 scenderanno. E gli stimoli a quelli privati sono stati di fatto cancellati, eliminando Impresa 4.0, Iri e Ace. Per questo rallentiamo».
 

Secondo il vicepremier Di Maio, l’economia va male per colpa vostra, perché nell’ultima legge di Bilancio c’erano pochi investimenti.

 
«Guardi, questo continuo ricorso a scaricare le responsabilità è veramente fastidioso, oltre che ridicolo. Di Maio faccia il favore di andare a guardarsi i dati. Fino alla metà del 2018 l’economia cresceva. Poi è arrivato il loro governo ed è crollata la fiducia sia delle imprese che dei cittadini».
 

Ma la responsabilità è solo del nuovo governo o ci sono anche altri fattori?

 
«Certo che ci sono altri fattori. C’è un rallentamento complessivo dell’Europa, nessuno lo nega. Ma poi c’è un fattore italiano che è proprio il crollo della fiducia. Senza fiducia non si investe, non si spende. Si ferma tutto».
 

Cosa dovrebbe fare questo governo per ricostruire un clima di fiducia?

 
«Ormai mi sembra troppo tardi. Si sono legati mani e piedi alle due misure bandiera, le pensioni e il reddito di cittadinanza, invece di abbattere le tasse e potenziare il reddito di inclusione».
 

Per le partite Iva una riduzione delle tasse c’è.

 
«Ma a livello complessivo c’è un aumento della pressione fiscale. Non lo dico io ma l’Ufficio parlamentare di Bilancio. E sulle partite Iva farei attenzione: c’è un grosso incentivo a mettere in nero una parte del fatturato per rientrare sotto la soglia di reddito che dà diritto alla tassazione agevolata. Non credo sia una buona notizia per il Paese».
 

Il reddito di cittadinanza, secondo il governo, sosterrà
l’economia perché i soldi vanno in tasca ai più poveri, che non li mettono in banca ma li spendono.

 
«Guardi, la loro proposta continua a essere un cocktail di due esigenze diverse: sostenere i redditi più bassi e incentivare l’ingresso sul mercato del lavoro. Temo finirà per essere una cosa molto lenta, molto burocratica. Insomma, uno spreco».
 

Colpa dell’Europa, se è vero, come si dice, che la manovra l’hanno scritta loro.

 
«Non diciamo sciocchezze. L’Europa ha fissato i saldi complessivi. Ma i contenuti sono tutti del governo».
 

I tecnici del ministero dell’Economia sono stati attaccati dal governo e dalla maggioranza. Hanno fatto bene a rimanere al loro posto?

 
«Certo. Si sono dimostrati, ancora una volta, grandi servitori dello Stato e hanno tutta la mia solidarietà in questa storia davvero triste».
 

Ma con Tria si sente mai?

 
«Siamo amici da anni, ci siamo incontrati spesso. I rapporti sono ottimi».
 

Che consiglio gli darebbe?

 
«Non dò consigli, non ne ha bisogno. Ma al governo suggerisco di cominciare a lavorare per la prossima manovra, per la quale dovrà trovare 23 miliardi solo per non fare aumentare l’Iva. Anzi, mi preparerei anche un piano B».
 

In che senso un piano B?

 
«Se il quadro complessivo dovesse peggiorare ci potrebbe essere la necessità di una manovra correttiva già a primavera. Meglio portarsi avanti con il lavoro».
 

Renzi le avrebbe dato del gufo.

 
«Ma io non me lo auguro, lo temo per il Paese».
 

Che voto darebbe a Tria?

 
«Ma come, non lo sa? Tra professori universitari non si danno voti».



Commenta... oppure


torna su

Agenda

DoLuMaMeGiVeSa
1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 1213
14 15 1617 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31

Rassegna stampa