Registrati

Privacy

Informativa ai sensi dell'art. 13 del decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196. La raccolta e il trattamento dei dati sono effettuati limitatamente ai fini connessi alla gestione operativa e amministrativa del servizio. I dati sono trattati con strumenti informatici e telematici e non saranno comunicati a terzi. Il titolare del trattamento è AreaDem.
* Acconsento al trattamento dei miei dati personali
Log in

 
Registrazione al sito - Login al sito

Donne. Pinotti, Sereni, Puglisi: senza di noi il PD non vince

01 Dicembre 2018

Lettera ai candidati, il responsabile dell'organizzazione sia una donna



"Caro Pd, senza le donne non tornerai a vincere". E' il messaggio inviato a tutti i candidati al congresso dalla seconda edizione del TowandaDay, che ha riunito nella Sala conferenze del Museo Nazionale Romano, la rete di democratiche. "Dopo aver denunciato l'arretramento nella rappresentanza femminile a causa delle pluricandidature - si legge in un comunicato - nella giornata di oggi TowandaDem ha approfondito le proposte programmatiche che invierà a tutti i candidati a segretario. Da una legge per la presenza di almeno il 50% di medici e professionisti della sanità non obiettori nei reparti di ostetricia e ginecologia per la piena attuazione della 194, a misure per la lotta alla disparità salariale e per l'occupazione femminile, una riforma dei congedi parentali che preveda una vera condivisione del lavoro di cura, al 50&50 delle nomine laiche negli organismi costituzionali e il rilancio della Conferenza Nazionale delle democratiche". "Negli interventi di Roberta Pinotti, Marina Sereni, Livia Turco e Francesca Puglisi - prosegue la nota - una riflessione sulla leadership e sul Partito. Innanzi tutto il congresso va portato fuori dalle sedi ristrette del Pd, incontrando le donne che hanno promosso le manifestazioni di Roma e Torino, coinvolgendo le associazioni che si stanno mobilitando contro la violenza e il ddl Pillon e contro il decreto sicurezza con una proposta di legge di iniziativa popolare sul diritto di asilo. Per cambiare e aprire il Partito Democratico vogliamo che una donna per la prima volta assuma il ruolo della Responsabile Organizzazione, ruolo cruciale in questo momento in cui è necessario ricostruire una dimensione di comunità politica che si è lacerata. Se vogliamo far crescere leadership femminili dobbiamo fare i conti con il potere interno al Pd. Possiamo diventare il perno di un campo progressista e democratico più ampio, più attraente ed accogliente per le donne. Un partito davvero aperto - nella crisi della democrazia che stiamo attraversando non può fare a meno di forti e nuovi strumenti di partecipazione. Dalle donne può venire, un'idea della leadership diversa da quella maschile, più inclusiva, più coinvolgente, che valorizzi di più la partecipazione".


Commenta... oppure


torna su

Agenda

DoLuMaMeGiVeSa
1
23 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31

Nuovi italiani

Rassegna stampa