Registrati

Privacy

Informativa ai sensi dell'art. 13 del decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196. La raccolta e il trattamento dei dati sono effettuati limitatamente ai fini connessi alla gestione operativa e amministrativa del servizio. I dati sono trattati con strumenti informatici e telematici e non saranno comunicati a terzi. Il titolare del trattamento è AreaDem.
* Acconsento al trattamento dei miei dati personali
Log in

 
Registrazione al sito - Login al sito

Il Pd si riunisce a Scampia. Martina: il nostro ruolo è essere al fianco di queste realtà

30 Luglio 2018

 


Tor Bella Monaca, lo Zen di Palermo e oggi il quartiere di Scampia, a Napoli. Una nuova tappa per la segreteria Pd quella di oggi nella sede della scuola calcio Arci. Un appuntamento per ascoltare, lo ha definito il segretario dem Maurizio Martina che in un’intervista al Mattino ha evidenziato l’importanza di ripartire dalle periferie e dal Sud “dove la sconfitta è stata più pesante”. In particolare a Napoli “abbiamo il dovere di ascoltare un quartiere che ha segnato una distanza grande con noi”.

Da Scampia, come anche dallo Zen e da Tor Bella Monaca, il Pd rilancia il proprio “impegno per i quartieri popolari per le periferie”, ha spiegato Martina che da Napoli lancia il suo messaggio all’esecutivo gialloverde: “Si svegli”.

La sfida del Pd al governo è quella di identificare “immediatamente le aree di priorità educativa delle realtà periferiche delle nostre città per investire in maniera strategica e straordinaria su queste aree a partire dalla lotta della povertà educativa, alla riqualificazione del tessuto sociale urbano, degli spazi pubblici. Noi abbiamo fatto tante cose in questi anni, queste azioni si possono rafforzare. La sfida che lanciamo al governo è quella di identificare subito queste aree e di metterci immediatamente delle risorse straordinarie e di curare il lavoro di contrasto alla povertà educativa”.

Il ruolo del Pd è quello di “mettersi al fianco di queste realtà e dentro e fuori dal Parlamento essere un soggetto che sviluppa queste idee e garantisce a tanti ragazzi e tante ragazze di essere parte di questi progetti di educazione, di cittadinanza, di legalità, di protagonismo positivo anche attraverso le attività sportive”.

Una mobilitazione contro il razzismo

E da Napoli il segretario dem, alla notizia dell’ennesimo attacco razzista, questa volta nei confronti dell’atleta italiana Daisy Osakue, lancia anche una grande manifestazione per settembre. Una mobilitazione per rispondere a un clima d’odio sempre più pericolosamente diffuso. “Faccio appello perché tutte le realtà civiche, democratiche, associative si uniscano e rispondano insieme a questo clima d’odio razzista, serve una grande mobilitazione” per “dire forte e chiaro che l’Italia non cede al ricatto di questa clima di razzismo e odio ma reagisce con la cittadinanza, con la democrazia, con un’idea forte dei diritti e dei doveri”.

“Non vedere il grave rischio che stiamo correndo dopo che si moltiplicano i casi di violenza sui migranti è un clamoroso errore – ha commentato Martina – Il problema c’è, c’è una spirale razzista preoccupante che va riconosciuta e combattuta e un governo che non riconosce il problema diventa complice di questa spirale”.

Il circolo Arci di Scampia

Un luogo simbolo, in un quartiere difficile. Per la segreteria del Pd, Martina ha scelto una scuola calcio Arci a Scampia. Un punto di incontro importante per i ragazzi del quartiere di Scampia, un territorio in mano alla criminalità e in pieno degrado, popolato da spacciatori e tossicodipendenti. E sono tanti i ragazzi che si riuniscono attorno a questa importante realtà: nella scuola calcio ci sono 400 ragazzi e 40 volontari tra allenatori, tecnici. Un luogo di aggregazione che conta tre campi di calcio, un campo per l’allenamento dei portieri e uno da pallavolo. Lì sono cresciuti anche calciatori che ora giocano nelle squadre di serie A. Anche Armando Izzo, ora nel Torino, ha cominciato all’Arci di Scampia. Ma non si tratta solo di sport: la scuola calcio si è trasformata fin da subito in un luogo importante di aggregazione, in un vero e proprio punto di riferimento nel quartiere dell’estrema periferia napoletana, perché lì si insegna ai ragazzi non solo l’amore per lo sport, ma anche l’educazione civica, il rispetto per il prossimo.


Commenta... oppure


torna su

Agenda

DoLuMaMeGiVeSa
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 3031

Nuovi italiani

Rassegna stampa