Registrati

Privacy

Informativa ai sensi dell'art. 13 del decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196. La raccolta e il trattamento dei dati sono effettuati limitatamente ai fini connessi alla gestione operativa e amministrativa del servizio. I dati sono trattati con strumenti informatici e telematici e non saranno comunicati a terzi. Il titolare del trattamento è AreaDem.
* Acconsento al trattamento dei miei dati personali
Log in

 
Registrazione al sito - Login al sito

Primo #TowandaDay: la parola alle donne, protagoniste del nostro tempo - interventi di Sereni, Puglisi, Armato, De Biasi

12 Maggio 2018

L'incontro è promosso dalle oltre mille firmatarie del manifesto che ha denunciato l'arretramento del Pd sul tema della rappresentanza politica femminile e la crisi di identità dello stesso partito, confermata anche dal recente risultato elettore.




Guarda gli interventi


PD. PUGLISI: NON MOLLEREMO, DONNE FARANNO RINASCERE IL PARTITO

"Ci sono tante donne che hanno voglia di essere protagonista, dopo lo shock della batosta elettorale, della rinascita del Partito Democratico e dell'intero centrosinistra. Vogliamo combattere le disuguaglianze". Lo dice Francesca PUGLISI tra le promotrici del Towandaday delle donne Pd che si sono riunire al Teatro dei servi. "Qui ci sono donne delle associazioni- spiega l'esponente Dem - ci sono donne dei sindacati, ci sono tante donne molto attive e competenti della societa' civile e tante amministratrice locali. Tutte insieme ci daremo da fare per far rinascere questo Partito Democratico. Ne abbiamo bisogno, crediamo che la destra sia una destra abbastanza pericolosa per i diritti delle donne: non vogliamo fare passi indietro per esempio sulla legge 194, non vogliamo le case chiuse in questo Paese. Noi vogliamo combattere le diseguaglianze, il partito ha perso nelle periferie di questo Paese e crediamo che una democrazia paritaria, un partito fatto di uomini e donne, sia esattamente utile a questo, a far emergere i piu' deboli e portarli e avanti". Ma non sarebbe ora di una guida in rosa del Pd? "Ci sono tante donne nel partito- risponde PUGLISI- in grado di guidarlo comunque scrive nel proprio statuto e nella carta dei valori afferma la democrazia paritaria a tutti i livelli di rappresentanza nel partito nelle istituzioni questa battuta d'arresto. Per noi e' davvero uno smacco per le tante energie e competenze di cui sono portatrici le donne della sinistra e allora diremo a forte e chiaro in Assemblea nazionale il 19 'Mai piu' pluricandidature', d'ora in poi 50 e 50. Non molleremo un secondo per affermare la democrazia paritaria a tutti i livelli". 


PD. DE BIASI: SONO LE DONNE CHE POSSONO FARE LA DIFFERENZA

"Questo incontro, Towanda, e' un primo incontro di tutte le 1000 firmatarie che hanno sottoscritto questo documento, un urlo, un grido di dolore non solo per la scarsa rappresentanza femminile nel partito dopo le elezioni, che gia' di per se' e' molto grave, ma in generale per la crisi della rappresentanza e per la crisi della politica che sta attraversando il Partito democratico". Lo dice Emilia De BIASI una delle promotrici del Towandaday delle donne Dem organizzato al Teatro dei Servi. "Noi vogliamo rimettere in piedi il Pd- aggiunge- le donne possono fare la differenza. Questo e' Towanda: piu' donne, piu' qualita', piu' capacita', piu' condivisione, piu' allargament, un partito piu' vicino alle persone. Dalle donne parte questo impegno molto forte, appunto Towanda". 



PD. LE DONNE AL PARTITO: MAI PIÙ PLURICANDIDATURE, ORA VIGILEREMO/ AL TOWANDADAY ANCHE MARTINA; PUGLISI: ELEZIONI-BATOSTA MA REAGIAMO

Le elezioni del 4 marzo sono state una batosta, una doccia fredda per le donne del Pd, sempre al servizio del partito e fatte fuori dal meccanismo delle pluricandidature previsto dal Rosatellum. E le donne, col loro grido di rivendicazione 'TowandaDem', ora reagiscono ripartendo dai territori, dall'impegno nella societa' civile, da un'attenta vigilanza sulle prossime mosse del Partito democratico che il 19 maggio si riunira' nell'Assemblea nazionale. Capeggiate da Francesca PUGLISI, al Teatro de' Servi nel cuore di Roma, dove e' intervenuta anche la ministra Valeria Fedeli, spiegano che il Towandaday "non e' l'urlo delle trombate alle elezioni". PUGLISI, salutando dal palco il segretario Maurizio Martina che ha voluto portare il suo saluto, ricorda che sono "piu' di mille le donne del partito che hanno sottoscritto quella lettera rivolta ai vertici" l'11 aprile scorso per denunciare una insufficiente presenza delle donne nel partito e in parlamento. "Il nostro e' un urlo vendicatore- continua PUGLISI- perche' per la prima volta siamo stati sopravanzati dal Movimento 5 Stelle e dalla destra nella rappresentanza femminile. Quel manifesto e' stato sottoscritto da tantissime donne: semplici iscritte, parlamentari, consigliere regionali, assessori, amministratrici locali. Sono tante donne che oggi prenderanno la parola dopo lo shock della batosta elettorale. Queste donne vogliono portare energia, passione, entusiasmo per rifondare il Partito Democratico, per rifondare il centrosinistra. Dobbiamo imparare a fare squadra. L'urlo vendicatore vuole combattere le diseguaglianze. Il Pd e' stato punito dal proprio elettorato per questo: abbiamo vinto nei quartieri bene e abbiamo perso nelle periferie delle nostre citta'. Per sconfiggere le disuguaglianze, per prevenire i conflitti, per promuovere lo sviluppo sostenibile servono la democrazia paritaria e le donne in tutti i luoghi della politica e della rappresentanza". PUGLISI poi precisa: "Noi non siamo contro le pluricandidate, quella notte neanche loro si sono rese conto di cio' che stava accadendo nelle liste. Quello che noi diciamo al partito, e lo diremo forte in Assemblea il 19 e': mai piu' pluricandidature, d'ora in poi 50 e 50, non ci distrarremo mai piu', saremo presenti, sempre col fiato sul collo del nostro partito". Towanda, annuncia l'ex senatrice, "si trasformera' in una associazione che noi mettiamo a disposizione come sperimentazione di nuove forme di partecipazione politica. Credo che il Partito Democratico abbia veramente bisogno di essere un partito plurale aperto e rispettoso della qualita' della democrazia che le donne rappresentano, lo dobbiamo fare innanzitutto perche' la destra che sta avanzando e' pericolosa. Lo vediamo in Europa con le destre in Polonia che stanno mettendo a rischio per esempio i principi della Convenzione di Istanbul e non vogliamo che Salvini tocchi la legge 194 sulla interruzione di gravidanza di cui ricorre il 40 esimo anniversario il 22 maggio. Non vogliamo che riaprano le case che la legge Merlin ha chiuso e quindi saremo li' a fare opposizione civile. Lo dobbiamo alle nostre madri che hanno combattuto per i nostri diritti lo dobbiamo a noi stessi e alle nostre figlie". PUGLISI ringrazia infine le donne della CGIL e della CISL che hanno fatto arrivare il loro augurio di buon lavoro e sottolinea: "Vogliamo riallacciare quei legami che colpevolmente abbiamo spezzato".


Towanda Donne Pd Roma Francesca Puglisi

Towanda Donne Pd Platea

“Mai più pluricandidature, 50 e 50. Non ci distrarremo mai più, saremo sempre presenti e col fiato sul collo del nostro partito”. L’ha detto Francesca Puglisi, ex senatrice del Pd, a nome della delegazione di donne Dem unite sotto il nome di Towanda, che sono in assemblea al teatro de Servi a Roma. “Towanda si trasformerà in un’associazione” ha annunciato Puglisi dal palco e rivolgendosi al segretario reggente del Pd Maurizio Martina, che era in platea, ha aggiunto: “Chiediamo un Pd plurale, aperto e rispettoso della qualità e della democrazia che le donne rappresentano”.

Towanda Donne Pd Maurizio Martina

“Mi sento un po’ come il maggiolone… ho preso delle botte” ha poi risposto il segretario reggente del Pd Maurizio Martina, salendo sul palco dell’assemblea. “Fate bene a essere incazzate – ha aggiunto – ma dovete passare, come sapete fare e state già facendo, dalla protesta alla proposta. Prepariamo assieme l’assemblea del 19 maggio”.
E a chi, tra il pubblico, sottolineava la sconfitta del 4 marzo e la perdita di elettori, ha risposto: “Ci siamo persi ma ci siamo anche ritrovati. Adesso o abbiamo una pagina nuova da scrivere o guardiamo dallo specchietto retrovisore. Io propongo di guardare avanti”.


Commenta... oppure


torna su

Agenda

DoLuMaMeGiVeSa
1 2 3
45 6 7 8 910
1112 13 14151617
18 19 20 21 2223 24
25 26 27 28 29 30

Nuovi italiani

Rassegna stampa