Registrati

Privacy

Informativa ai sensi dell'art. 13 del decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196. La raccolta e il trattamento dei dati sono effettuati limitatamente ai fini connessi alla gestione operativa e amministrativa del servizio. I dati sono trattati con strumenti informatici e telematici e non saranno comunicati a terzi. Il titolare del trattamento è AreaDem.
* Acconsento al trattamento dei miei dati personali
Log in

 
Registrazione al sito - Login al sito

Sanità e corruzione, Mirabelli: la legalità è scomparsa dall'agenda politica - intervista di Affaritaliani.it

16 Aprile 2018

Sanità e tangenti in Regione Lombardia, il senatore lombardoFranco Mirabelli commenta le ultime vicende giudiziarie: "Dopo il 4 marzo e in questa fase convulsa di trattative e di tentativi di mettere d'accordo i “vincitori delle elezioni”, colpisce molto la scomparsa da qualunque agenda del tema della lotta alla corruzione e della legalità.Mentre si susseguono le inchieste che svelano episodi di malaffare e di malgoverno, proprio le forze che si sono definite forze di cambiamento alterative al sistema definito corrotto e distante dagli interessi dei cittadini hanno rimosso una questione importante, che costituisce un problema per la nostra democrazia e per lo sviluppo stesso del Paese come quella della corruzione".
"Proprio in questi giorni - prosegue Mirabelli - sono emersi episodi gravi di corruzione e di utilizzo della cosa pubblica per fini privati proprio in una delle Regioni simbolo del presunto buon governo del centrodestra e della Lega come la Lombardia. Una di queste inchieste, che porta sul banco degli indagati medici e funzionari della Regione, fino a coinvolgere il garante per la legalità nominato da Maroni, riguarda ancora la sanità Lombarda; ancora una volta si trovano strade per distrarre fondi pubblici dalla loro funzione, che è quella di garantire la salute dei cittadini, per favorire arricchimenti personali".
"Colpisce - conclude il senatore" -  che dopo gli scandali della Santa Rita, della Maugeri, del San Raffaele, delle operazioni dentistiche, in Regione Lombardia non ci si sia ancora seriamente preoccupati di creare le condizioni per contrastare corruzione e illegalità. E colpisce come nessuno dei governanti leghisti chieda scusa, si assuma le proprie responsabilità, affronti la questione e la prenda seriamente, anziché considerarla una sorta di ordinaria amministrazione, di danno collaterale da mettere nel conto. Certo è più semplice affrontare e denunciare l’eccessiva presenza di mendicanti di colore davanti ai supermercati che colpire la corruzione e investire sui controlli ma, certamente, il danno al Paese prodotto dalla corruzione dei colletti bianchi è meno visibile ma molto più grande".



Commenta... oppure


torna su

Agenda

DoLuMaMeGiVeSa
1 2 3
45 6 7 8 910
1112 13 14151617
18 19 20 21 2223 24
25 26 27 28 2930

Nuovi italiani

Rassegna stampa