Registrati

Privacy

Informativa ai sensi dell'art. 13 del decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196. La raccolta e il trattamento dei dati sono effettuati limitatamente ai fini connessi alla gestione operativa e amministrativa del servizio. I dati sono trattati con strumenti informatici e telematici e non saranno comunicati a terzi. Il titolare del trattamento è AreaDem.
* Acconsento al trattamento dei miei dati personali
Log in

 
Registrazione al sito - Login al sito

Ius soli, in senato niente voto a settembre. Zanda: non c'è la maggioranza

12 Settembre 2017

Ma il capogruppo Dem ribadisce che la sua approvazione è obiettivo irrinunciabile



La capigruppo esclude dal calendario dei lavori il provvedimento approvato tra le polemiche dalla Camera. Non sara' discusso dal Senato il ddl sullo Ius soli. E' quanto e' emerso dalla riunione di oggi della Capigruppo di Palazzo Madama che ha deciso che il provvedimento votato dalla Camera tra le polemiche non sara' oggetto di discussione dell'Aula nel mese di settembre. Il capogruppo dem Luigi
 Zanda, pur ribadendo la volonta' del suo partito di proseguire l'iter per l'approvazione del provvedimento ha dovuto accettare la realta': sullo ius soli non c'e' maggioranza. ""La nostra posizione e' nota, non abbiamo cambiato idea sullo ius soli, noi non vogliamo parlare dello ius soli, ma vogliamo approvare questa norma, che resta per noi un obiettivo", ha detto Zanda che pero' ha dovuto anche aggiungere come, "per approvare una legge serve una maggioranza che ora al Senato non c'e'. Io confido che il lavoro politico che si fara' nei prossimi giorni e settimane porti a una soluzione positiva del problema". Soddisfatto il capogruppo della Lega a Palazzo Madama Gian marco Centinaio: "abbiamo affossato la legge sulla cittadinanza". E poi, "Pericolo scampato, ma restiamo vigili e pronti alle barricate perche' questo Paese ha bisogno di tutto tranne che di regalare la cittadinanza agli immigrati". Soddisfatto anche Ap che con Maurizio Lupi sottolinea il "grande senso di responsabilita'" del presidente del Consiglio che "ha ascoltato la nostra richiesta e ha giudicato inopportuna la richiesta di un voto di fiducia su una questione cosi' delicata e divisiva". Molto negativo, invece, il commento di Roberto Speranza, esponente di punta di Mdp, che su twitter scrive: "Si nega la cittadinanza a 800.000 ragazzi italiani. E' una resa culturale inaccettabile e un cedimento alla destra"


Commenta... oppure


torna su

Agenda

DoLuMaMeGiVeSa
12
3 4 56789
10 11121314 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31

Nuovi italiani

Rassegna stampa