Registrati

Privacy

Informativa ai sensi dell'art. 13 del decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196. La raccolta e il trattamento dei dati sono effettuati limitatamente ai fini connessi alla gestione operativa e amministrativa del servizio. I dati sono trattati con strumenti informatici e telematici e non saranno comunicati a terzi. Il titolare del trattamento è AreaDem.
* Acconsento al trattamento dei miei dati personali
Log in

 
Registrazione al sito - Login al sito

Alleati a caccia del 3%, sul bilancio sarà dura - intervista al capogruppo Pd alla Camera Ettore Rosato del Corriere della Sera

17 Luglio 2017





di Paola Di Caro


È finita con il centrodestra che esulta per una «vittoria» contro il Pd, per lo «schiaffo» di Gentiloni a Renzi. Ma Ettore Rosato, presidente dei deputati dem, non si pente né fa marcia indietro: «Abbiamo fatto quel che dovevamo, quello che tutto il Pd era convinto di fare».

Anche se Salvini e tutto il centrodestra considerano l’accantonamento dello ius soli una loro «vittoria»?

«Bella vittoria aver negato il diritto di essere italiani a migliaia di bambini che crescono assieme ai nostri figli, che parlano in dialetto, che frequentano da sempre le nostre scuole. Solo la speculazione politica, alla quale purtroppo anche Ap si è piegata, ha potuto far saltare lo ius soli».

 

Quindi la colpa è dei vostri alleati?

«Hanno votato quel testo alla Camera, è incomprensibile che non lo facciano anche al Senato».

 

Una spiegazione ci sarà…

«La sensazione è che più si avvicinano le elezioni, più Mpd e Ap cercheranno di differenziarsi, per rendere più facile la caccia a quel 3% di voti che con la legge vigente li farebbe entrare in Parlamento».

 

Se è così, sarà dura per il governo…

«Non posso negarlo, vedo una legge di Bilancio difficile all’orizzonte».

 

Vede il governo a rischio e il voto anticipato?

«Ma no, ormai siamo a fine legislatura, c’è poco da anticipare».

 

Ma questo stop avrà conseguenze sulle alleanze elettorali future? Con i centristi insomma sarà impossibile ricucire o stringere qualche forma di rapporto?

«Le elezioni sono ancora lontane, sono ragionamenti prematuri. E voglio affidarmi alle parole di Gentiloni: la legge sarà ripresa in autunno in Senato, vediamo come si comporteranno i nostri alleati».

 

Renzi non ha avuto troppa fretta? Si poteva temporeggiare, cambiare qualcosa?

«Cosa avremmo dovuto cambiare di un testo che alla Camera era stato approvato e scritto assieme ad Ap? C’erano tutte le condizioni per votarlo».

 

Gentiloni avrebbe potuto fare di più? Poteva sfidare i centristi con la fiducia?

«Gentiloni ha fatto tutti i tentativi possibili per riuscire a portare il provvedimento fino all’approvazione. Non era possibile fare di più».

 

Tornando indietro, non crede che avere insistito oggi su questo tema quando l’emergenza sbarchi è diventato un problema sentito come primario dagli italiani e poi non portare nemmeno a casa il risultato sia stato un grande boomerang per il Pd?

«Solo un’informazione approssimativa e la strumentalizzazione politica possono accostare l’immigrazione clandestina allo ius soli. Comunque il Pd di responsabilità sui diritti se ne è prese tante, dalle unioni civili al divorzio breve. La politica che non sceglie, sperando di costruire così il consenso, non fa per noi».


Commenta... oppure


torna su

Agenda

DoLuMaMeGiVeSa
123
45 6 78910
111213141516 17
1819 20 21 222324
25 2627 28

Nuovi italiani

Rassegna stampa