Registrati

Privacy

Informativa ai sensi dell'art. 13 del decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196. La raccolta e il trattamento dei dati sono effettuati limitatamente ai fini connessi alla gestione operativa e amministrativa del servizio. I dati sono trattati con strumenti informatici e telematici e non saranno comunicati a terzi. Il titolare del trattamento è AreaDem.
* Acconsento al trattamento dei miei dati personali
Log in

 
Registrazione al sito - Login al sito

Pronti ad andare a Raqqa se cambiano le condizioni politiche - intervista a Roberta Pinotti de La Stampa

12 Luglio 2017

Il ministro della Difesa ha visto il capo del Pentagono Mattis: più carabinieri a Mosul e un hub anti-terrorismo a Napoli




di Paolo Mastrolilli

L’Italia aiuterà la stabilizzazione di Mosul, addestrando le milizie che hanno liberato la città per inquadrarle in forze regolari, ed è pronta a fare lo stesso a Raqqa, quando la capitale del Califfato cadrà, se in Siria si creeranno le condizioni politiche. A dirlo è il ministro della Difesa Roberta Pinotti, in questa intervista fatta dopo l’incontro di ieri al Pentagono con il collega americano Mattis.

 

Come aiuterete la stabilizzazione di Mosul?

«Quando la zona est della città era stata liberata, avevo incontrato il premier Al Abadi. Mi aveva detto che una volta ripresa Mosul, era fondamentale garantire che non ci fossero comportamenti lesivi dei diritti delle varie etnie e religioni presenti. Era importante formare la polizia locale, perché l’esercito riconquista le città, ma la polizia dà la sensazione della stabilità. Mattis ha ricordato che siamo il secondo contributore in Iraq. In questo ambito, senza modificare i numeri, possiamo immaginare rimodulazioni. Prima l’obiettivo principale era addestrare l’esercito; ora potremmo intensificare la missione dei Carabinieri per produrre numeri maggiori di polizia locale».

 

Se l’Isis è sconfitta, potremmo anche spostare i militari che proteggono i lavoratori impegnati a riparare la diga di Mosul?

«Con prudenza, perché ovviamente la ripresa di Mosul non vuol dire che non ci siano più rischi. Sapendo che i lavori vanno finiti, e la protezione deve esserci, questa è una delle possibilità di rimodulare la missione. Con prudenza, perché finita l’entità statuale dell’Isis, resta il pericolo di cellule terroristiche».

 

Malia è disposta a dare un contributo simile anche a Raqqa?

«Noi finora abbiamo scelto di essere in Iraq perché c’è una risoluzione Onu e una richiesta del governo legittimo. In Siria il mandato Onu di sconfiggere il terrorismo esiste, ma la situazione politica è confusa, non tutti considerano il governo legittimo, e l’autorità locale non è riconosciuta. Questi paletti noi li manterremo. Per allargare la nostra azione bisognerà vedere se si chiarisce la questione politica in Siria, quali truppe addestrare, e su che base. Nell’ambito di una possibile chiarificazione delle condizioni, le forze in campo, e il percorso politico, potremmo valutare un contributo».

 

Gli Usa si preparano a cambiare linea sulla Libia e riaprire l’ambasciata a Tripoli?

«Dell’ambasciata l’ho letto sui giornali. Mattis ha confermato il massimo supporto alla strategia italiana in Libia, riconoscendo la nostra esperienza. Loro vogliono aiutare le diverse parti in campo a parlarsi, per aiutare la stabilizzazione del governo unitario, e sono disponibili a capire se da parte italiana ci sono richieste».

 

Lei ha fatto richieste a Mattis sulla Libia?

«Noi pensiamo che il lavoro che stiamo facendo per una strategia inclusiva diventerebbe più importante e forte col sostegno Usa».

 

Non vede altre operazioni di natura militare?

«No. Addestriamo la Guardia costiera, non vedo altre necessità».

 

Avete chiesto aiuto agli Usa sul tema dei migranti?

«Non per la crisi emergenziale, ma a lungo termine sì. Abbiamo parlato dell’hub per il Mediterraneo che nascerà a Napoli, il Sahel, la messa in funzione di progetti di capacity building negli Stati africani da dove partono i migranti, anche per distruggere le reti dei trafficanti. In questo quadro abbiamo parlato di Napoli, e delle capacità che gli Usa possono mettere in campo. In Africa, però, il protagonista principale deve essere l’Europa».

 

Che sostegno ha promesso Mattis per la creazione a Napoli dell’hub della Nato per la sicurezza nel Mediterraneo?

«Noi abbiamo già avuto una risposta positiva dalla ministeriale, con molti paesi anche nordici che hanno promesso di inviare personale. Ma pensiamo che la sicurezza a Sud sia una delle grandi sfide della Nato, e quindi chiediamo ulteriori risorse, perché da Napoli possono partire molti progetti. Parliamo soprattutto di capacity building, e Mattis è accordo».

 

Manderemo più soldati in Afghanistan?

«Rafforzare l’addestramento è importante. Se ci liberiamo di alcune funzioni logistiche, potremmo aumentare In Siria il mandato Onu di sconfiggere il terrorismo esiste, ma la situazione politica è confusa, non tutti considerano il governo gli addestratori, sempre nell’ambito dei numeri attuali di circa 950 soldati».

 

Cosa pensate di fare sulla Corea del Nord?

«Abbiamo concordato sull’esigenza di far lavorare in questo momento la parte diplomatica, più che le voci dei ministri delPensiamo che la sicurezza a Sud del Mediterraneo sia una delle grandi sfide della Nato, e quindi chiediamo ulteriori risorse la Difesa. C’è preoccupazione, ma la de-escalation è il lavoro primario per evitare che si innalzi il livello di rischio».

 

Cosa l’ha colpita sul piano umano di Mattis?

«Ha grande fiducia e stima per l’Italia, determinata dal fatto che siamo un partner affidabile, dai risultati di alta qualità delle nostre missioni, e dall’esperienza che ha avuto come militare, lavorando con i nostri soldati dall’Iraq all’Afghanistan. Quando parla con noi, parla con un paese di cui sa di potersi fidare»


Commenta... oppure


torna su

Agenda

DoLuMaMeGiVeSa
12
3456789
10111213141516
17181920212223
2425 2627 28 29 30

Nuovi italiani

Rassegna stampa