Registrati

Privacy

Informativa ai sensi dell'art. 13 del decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196. La raccolta e il trattamento dei dati sono effettuati limitatamente ai fini connessi alla gestione operativa e amministrativa del servizio. I dati sono trattati con strumenti informatici e telematici e non saranno comunicati a terzi. Il titolare del trattamento è AreaDem.
* Acconsento al trattamento dei miei dati personali
Log in

 
Registrazione al sito - Login al sito

Serviva una legge e chi la critica poteva parlare prima - intervista del Corriere della Sera al presidente dei Senatori Pd Luigi Zanda

07 Luglio 2017

Due anni fa votò a favore anche la Lega Nord ora invece anche i parlamentari che si sono opposti fortemente non hanno presentato emendamenti



Codice antimafia - la scheda di approfondimento


di Marco Galluzzo

Senatore Zanda, perché ci avete messo due anni?
«In verità 4, due alla Camera e due al Senato. Innanzitutto si tratta di un provvedimento molto difficile. Poi perché in questa legislatura abbiamo affrontato tantissimi provvedimenti, e la maggioranza è molto risicata. Il Senato è il campo naturale per ostruzionismo e possibili agguati. Ogni voto va conquistato».
Il ministro Anna Finocchiaro difende il testo e invece Matteo Orfini auspica modifiche, sulla scia di numerosi giuristi: che succede?
«Questa legge ci voleva. Due anni fa alla Camera fu approvata non solo con i voti di tutta la maggioranza ma persino dalla Lega Nord. Il problema del rapporto fra Parlamento e comunità di cittadini, professori e giuristi, deve essere coltivato con molta cura. Su questa legge nell`ultima settimana sono intervenuti personaggi molto autorevoli, alcuni amici cari, da Cassese a Violante».
E non solo loro, l`elenco è lungo: da Fiandaca a Cantone, tutti a esprimere grandi riserve sull`estensione di fattispecie pensate per la mafia
ai reati contro la pubblica amministrazione.

«Le loro perplessità sono intervenute nelle ultime fasi dell`iter del provvedimento. Se fossero arrivate prima avremmo fatto tutto il possibile per
discuterle. D`altra parte anche i parlamentari che in questi giorni si sono fortemente opposti all`approvazione del Codice antimafia non hanno presentato
emendamenti sulle questioni sollevate in Aula per fare ostruzionismo».
Ma c`è o no un problema di merito? Ha senso estendere i sequestri preventivi ai corrotti?
«Si, personalmente penso di si. La domanda è: la corruzione è un reato di grande allarme sociale?».
Siamo secondi solo alla Bulgaria nelle classifiche Ue.
«Appunto, la corruzione è un cancro della morale e dell`economia del Paese, mortifica il mercato, impedisce una vera concorrenza, deforma gli appalti, abbassa la qualità delle opere pubbliche, è un ostacolo allo sviluppo e all`occupazione. “E una malattia che rischia di uccidere l`Italia”, scrive
Cantone nel suo libro. E una vera emergenza nazionale, tanto che l`Italia ha istituito un`Autorità per combatterla. Le misure di prevenzione, previste
nell`ordinamento fin dagli anni `6o, nel 1982 furono estese alla mafia, scelta che Pio La Torre pagò con la vita. Dopo di lui, Giovanni Falcone ci ha insegnato che il crimine organizzato si batte seguendo soldi e patrimoni, e colpendoli in via preventiva. Questo è il senso delle norme di prevenzione. Peraltro estese a molte fattispecie oltre alla mafia: dai reati di spaccio al terrorismo, dalla contraffazione alla tratta di esseri umani. La corruzione va legittimamente considerata di analogo allarme sociale».
Quindi è una buona legge che non ha bisogno di correzioni di rilievo?
«Esatto. Tutte le leggi sono perfettibili, e in Senato l`abbiamo già migliorata. Ma il testo approvato mi sembra coerente con il sistema generale delle misure di prevenzione che siinserisce in una lunga sequenza di precedenti».
Il ministro Orlando dice che la Camera valuterà dei cambiamenti.
«La Camera ha già approvato il testo. Torna migliorato».
Faccia una previsione. 
«Il Codice antimafia sarà legge in questa legislatura».


Commenta... oppure


torna su

Agenda

DoLuMaMeGiVeSa
1234 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31

Nuovi italiani

Rassegna stampa